Tag

, , , , , , , , , , , , , ,

E` arrivata la fine di questa programmazione sulla Madre. Non ci eravamo dat* nessuna regola al di fuori del tema in modo che chiunque volesse scrivere, si sentisse liber* di farlo nel modo più congeniale. E’ stata sicuramente quella riuscita meglio per vari fattori, fra cui la spontaneità degli interventi e l’aggiunta di nuove voci. Alessandra, Ornella e Roberta hanno partecipato per la prima volta con foto e racconti, Giusi ci ha regalato una poesia, Sylvie ha risposto a un sos di revisione. E’ mancata la voce di Yacob che ha moltissimi impegni scolastici ed è giusto che dia ad essi la priorità. Tuttavia Yacob è stato presente in altri modi: ha ispirato Claudia a accantonare la sua recensione per scrivere di cuore “Madri oltre ogni distanza” e ci ha dato degli spunti per parlare di Madre Terra.

Dalla sua genesi il Collettivo Antigone è stato concepito come una sorta di creatura, una figlia con una madre single e tante zie e cugini intorno. Questa metafora continua ad essere valida per ciascun* di noi e di fatto la bambina sta crescendo, acquista una voce autonoma e muove i primi passi indipendenti dopo quasi un anno. E proprio come in una famiglia vera, se la mamma è stanca, ci sono le zie e i cugini ad arrivare in aiuto. Tuttavia, questa privata dimensione di nucleo familiare allargato, non sarebbe comunque sufficiente. E qui subentrate Voi, ognun* di Voi che ci ha letto, che ci ha condiviso, che ci ha scritto, che ha voluto dire la sua. Senza i nostri triplicati manzoniani lettori le nostre parole e la nostra motivazione probabilmente non sarebbero così forti

Questo per dire che ogni singolo percorso intrapreso dal Collettivo Antigone non si esaurisce negli articoli o nelle programmazioni, bensì diventa vita vissuta nel quotidiano. Il tema della Madre continuerà su altri binari: solitudine delle madri, Madre Terra, madri che rimpiangono la maternità e altro ancora che continuerete a suggerirci come avete fatto coi temi appena menzionati. E chiunque volesse donarci qualcosa in termini di contributi o suggerimenti, sarà benvenut*.

Grazie a Francesco Faraci e Francesco Malavolta che con le loro foto, con il loro perseverante lavoro e i loro consigli sinceri ci aiutano ad accompagnare i testi nel modo migliore.

Ad maiora.

Di Maria Grazia Patania

image

Annunci